Nanolever e Università di Bologna insieme nelle tesi per Fisici Industriali

È con grande piacere che annunciamo un progetto decisamente interessante e formativo per tutti gli studenti del Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna. A partire da oggi infatti è stata inaugurata una proposta di per lo sviluppo delle tesi universitarie tra il Dipartimento di Fisica e Nanolever, azienda con sede a Bertinoro (FC), per merito del professore Nico Lanconelli e del dottor Gilberto Romboli.

Nanolever è stata fondata nel 2014 dal dott. Gilberto Romboli, ex-studente di Fisica dell’Università di Bologna, e si occupa dello sviluppo di celle di carico e dei sistemi di misura del peso nell’ambito delle macchine automatiche.

Nanolever ha sviluppato un sistema innovativo perché in grado di eliminare gli errori dovuti alle vibrazioni tipici dell’automazione industriale. Oggi realizza sistemi di pesatura per il confezionamento di tisane, farmaci e polveri alimentari.
Con il sistema Sigma Low è infatti possibile misurare il peso con velocità e precisione dove prima si riteneva impossibile, perché Sigma Low elimina alla radice il disturbo dovuto dal peso apparente, generato dalle vibrazioni dei macchinari.

Poiché ad oggi il percorso di studi e il mestiere del Fisico sono rivolti principalmente all’attività di ricerca scientifica di tipo accademico, ci auguriamo che questa collaborazione tra Nanolever e l’Università di Bologna possa estendere la visione del Fisico nell’ambito di R&D nell’impresa, partendo proprio dalla capacità di problem solving dei Fisici.

Nanolever infatti è una società di produzione di sistemi di pesatura che realizza e progetta bilance fino ad ora ritenute impossibili da realizzare, il cui obiettivo è diffondere le nostre nuove tecnologie di dosaggio gravimetrico e l’innovativa misurazione del peso integrata con l’attrezzatura.
L’azienda fa parte di un gruppo industriale composto da tre società, di cui due sono attive nel settore aerospaziale e delle macchine automatiche – con fatturati di oltre 60 milioni di euro – e l’ultima invece è attiva nel settore aerospaziale, nucleare, dell’automazione e automotive, per un totale di 140 ingegneri dedicati al calcolo e alla progettazione.

Gli studenti laureandi dell’Università potranno compilare le loro tesi sugli argomenti proposti da Nanolever. Ecco le possibilità disponibili ad oggi – in ottica bilingue, sia italiana che inglese.

SVILUPPO DI UNA CELLA DI CARICO INNOVATIVA PER USO INDUSTRIALE

Partecipazione allo sviluppo di un sensore estensimetrico da utilizzare nella selezionatrice ponderale. Questo progetto intende rivoluzionare le tecnologie del controllo peso.
Il lavoro includerà:
• una comprensione teorica del comportamento del sensore per le caratteristiche elettriche resistive definendone il modello di comportamento;
• studio del comportamento resistivo degli estensimetri relativi ai cavi interni di collegamento al ponte di Wheatstone;
• l’implementazione e le prove di laboratorio del sensore, comprese le prove al banco
• verifica della camera climatica e interpretazione dei dati.
• personalizzazione del firmware per il microcontrollore AVR a 8 bit di Atmel
applicazione del sensore in un prototipo di controllore peso.

SVILUPPO DI UN PIANO COTTURA A INDUZIONE CHE PESA GLI ALIMENTI DIRETTAMENTE SUL VETRO CERAMICO

La partecipazione allo sviluppo di una cella di carico integrata con un piano a induzione ci permette di pesare gli ingredienti direttamente sul vetro ceramico.
Il lavoro includerà:
• comprensione teorica del comportamento del sensore determinandone la fisica in combinazione con il vetro ceramico;
• personalizzazione dell’hardware aperto per il condizionamento del segnale;
• verifica al banco del sistema di misura in varie condizioni dei vincoli del piano ad induzione.

ALGORITMO DI MISURA BASATO SULLA SELEZIONE DEI DATI

Il progetto prevede lo sviluppo di un algoritmo di intelligenza artificiale ad autoapprendimento, che consente il miglioramento della media aritmetica digitale del segnale della cella di carico.
Attualmente, la misurazione del peso viene effettuata dalla media aritmetica di una serie di campioni estratti su un segnale di trigger dove i campioni sono in una distribuzione gaussiana. L’attività di ricerca riguarda la formulazione dell’analisi dei dati, e la selezione dei campioni, tramite un algoritmo di autoapprendimento super intelligente, che migliora la media dei campioni scelti non soltanto come una serie di dati in sequenza cronologica.

Per ulteriori informazioni:
gromboli@nanolever.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *